/* Your code goes here */

Porto Cesareo

Porto Cesareo: scopri le spiagge più belle

Il Salento è ormai una delle destinazioni più amate dai turisti, affascinati dal suo mare pulito e dalle splendide spiagge, oltre che dalla buona cucina e da una movimentata vita notturna.

Tra le località più famose del Salento occupa un posto di rilievo Porto Cesareo, un piccolo comune di poco meno di seimila abitanti che si affaccia sulla costa ionica, circa 20 km a nord di Gallipoli.

Rinomata località balneare, letteralmente presa d’assalto dai turisti nel periodo estivo, Porto Cesareo offre tutto quello che ci si aspetta da una vacanza. A Porto Cesareo non mancano ristoranti, supermercati, bar, ma anche eccellenti pescherie: a questo proposito, merita una visita la “La Piovra”, storica pescheria a conduzione familiare di Arturo Perrone, situata in Via. S Pellico, dove acquistare il meglio del pesce fresco di giornata.

Proprio davanti al paese, quasi sempre raggiungibile a piedi vista la scarsa profondità del mare e la vicinanza alla spiaggia, sorge la splendida Isola dei Conigli, un tempo chiamata Isola Grande. L’isola è lunga circa 2 km ed è larga poco più di 400 mt ed è interamente adibita a riserva naturale. Da non perdere la sua spiaggia bianca e, per gli amanti delle immersioni, una visita ai suoi fondali paragonabili a quelli di località esotiche.

Appena più a nord di Porto Cesareo c’è la pittoresca spiaggia di Torre Lapillo, che prende il nome dalla torre di avvistamento posta all’estremità della baia. Alle spalle della spiaggia c’è una piccola zona di macchia mediterranea dove è possibile rinfrescarsi nelle ore più calde della giornata, mentre l’acqua per via delle correnti è in questa zona una delle più tiepide di tutto il Salento.

Ancora più a nord, poco prima di Nardò, si trova la meravigliosa spiaggia di Punta Prosciutto. Una lunga lingua di spiaggia bianca adagiata in uno dei punti in cui il mar Ionio è più calmo, fanno di questo luogo una destinazione ideale per i bambini e per chi è in cerca di totale relax. L’acqua è di un sorprendente blu intenso e il fondale scende di livello molto lentamente: si può dover camminare per centinaia di metri prima di arrivare a non toccare più il fondo.